Aboliamo le Province

Forbici foto

“Il “taglio” delle Province era e rimane una promessa elettorale: tutti i partiti si proclamavano favorevoli all´abolizione delle Province, ma a distanza di 7 mesi dalle elezioni, in Parlamento ancora non si è visto nulla.

Nel 2007 le Province in Italia raggiungevano il numero di 107; ben 12 nuove Province sono state istituite nell´arco di 13 anni tra il 1992 e il 2005. La creazione delle ultime dodici Province ha interessato solo il 6% dei Comuni italiani, ma, contemporaneamente, il numero delle Province è aumentato di quasi il 13%.

Questa tendenza alla frammentazione amministrativa"territoriale non sembra essersi fermata: al contrario, nelle ultime legislature sono state presentate varie proposte di legge finalizzate a istituire nuove Province.

La politica ha un costo, che si evidenzia proprio laddove vi sia difficoltà  a vederne i benefici; raramente, però, è stato mostrato il costo politico delle amministrazioni provinciali.

Si possono definire “costi politici” tutte le spese necessarie a remunerare l´attività  del politico: ai fini della presente analisi sono considerati “uomini politici provinciali” i Presidenti di Giunta, i Vice Presidenti, gli Assessori, i Consiglieri e i Presidenti del Consiglio.

Si noti che non vengono considerati gli esborsi per le consulenze, che potrebbero essere affidate (direttamente o indirettamente) a personaggi politici risultati non eletti. I puri costi della politica provinciale sono di circa 115 milioni di euro l´anno; più di 4.200 politici vivono in gran parte della (e per la) politica: in media ogni Provincia costa al cittadino 1,1 milioni di euro l´anno.

Ogni figura politica ha il suo costo: il range è compreso tra i 62 mila euro l´anno di un Presidente di Giunta e i 21 mila di un Consigliere provinciale. In media ogni politico ha un costo di 27,4 mila euro” (continua su Aboliamo le Province).

Leggi altre news su per il Popolo delle Libertà .

59 Responses to "Aboliamo le Province"

  • camelot says:
  • nicoletta says:
  • Torre L. says:
  • giuseppe says:
  • luca cesana says:
  • Antonio says:
Leave a Comment