Pacchetto anti-crisi, tetto sui mutui variabili: risparmio medio del 10 per cento

Da Il Sole 24 Ore:° 

“Quanto si potrà  risparmiare sulla rata con il Decreto anticrisi? Se lo chiedono " con una certa speranza " tutte le famiglie italiane alle prese con un mutuo a tasso variabile. La risposta, naturalmente, non è univoca: ogni contratto di finanziamento fa storia a sé, a seconda del momento in cui è stato stipulato, della durata e del ricarico applicato dalle banche.

Qualche stima, però, si può azzardare: prendendo in considerazione un finanziamento da 100mila euro stipulato nel settembre 2005 (prima cioè del rialzo dei tassi) al tasso Euribor 3 mesi maggiorato di uno spread dell’1,1% (i parametri medi utilizzati nella relazione tecnica al Decreto) e applicando il «tetto» del 4%, la rata di gennaio di un mutuo ventennale sarebbe pari a 613 euro rispetto ai 676 euro versati a novembre. Un risparmio che sfiora, insomma, il 10% e che, come si vede nella tabella a fianco, può superare il 13% nel caso di prestito a 30 anni e si riduce al 4,2% se la durata è di 10 anni.

L’effetto è tanto maggiore quanto lo spread è più oneroso: se la maggiorazione bancaria è dell’1,5%, per esempio, la riduzione della rata sfiora i 100 euro (-16,7%) per i mutui trentennali. Viceversa, l’impatto si affievolisce per spread inferiori: se questo fosse pari allo 0,7% i risparmi sarebbero compresi fra il 3 e il 9,6%. In quest’ultimo caso è inoltre possibile che le forze di mercato stesse spingano ancora più in basso il parametro interbancario (ieri l’Euribor 3 mesi è sceso al 3,78% e domani la Banca centrale europea ridurrà  ancora il costo del denaro) in modo da rendere pressoché «virtuale» l’intervento del Governo.

I vantaggi non valgono tuttavia per tutti i mutui variabili stipulati prima del 31 ottobre 2008. Il tetto del 4% si applica infatti soltanto a quei prestiti che al momento della sottoscrizione prevedevano un tasso inferiore a tale soglia. Una circostanza, questa, che in linea di massima (si veda il grafico a fianco) si è verificata per tutti i finanziamenti accesi fra il 2003 e metà  del 2006. Per gli altri, il limite oltre il quale lo Stato si accolla l’eventuale eccedenza è stabilito dal tasso di interesse pagato all’epoca della prima rata e occorrerà  verosimilmente attendere un’ulteriore riduzione degli Euribor per avere impatti di pari entità “.

Da leggere: Pacchetto anti-crisi: le misure. Bonus per le famiglie: chi ne ha diritto. Social-card: chi ne ha diritto e come ottenerla. Dipendenti scuola: 110 euro in più sotto l´albero. E da gennaio 75 euro mensili in più ai prof, e 55 agli Ata.

Se volete, votate Ok.

Leggi altre news su per il Popolo delle Libertà .

9 Responses to "Pacchetto anti-crisi, tetto sui mutui variabili: risparmio medio del 10 per cento"

  • Rudolf says:
  • Cristian says:
  • Francesco (Francio) says:
  • camelot says:
  • camelot says:
  • Monica says:
  • Katia says:
Leave a Comment