Brunetta: gli stipendi degli statali li decideranno i cittadini

Renato Brunetta foto

Mentre il Partito democratico non perde occasione per evidenziare lo stato di crisi profonda in cui versa, il governo Berlusconi, giorno dopo giorno, mette a segno qualche risultato.

Ieri l´altro, ad esempio, è stato approvato in via definitiva – ed è dunque divenuto legge – il cosiddetto Ddl anti-fannulloni. Vale a dire il provvedimento messo a punto dal Ministro Brunetta, e che ha come obiettivo quello di rendere più efficiente la pubblica amministrazione.

Vediamo come, grazie alle parole del Ministro della Funzione Pubblica:

Il cittadino valuterà  i servizi pubblici. Sarà  lui a giudicare la bontà , o meno, dei beni e dei servizi che riceverà . E tutti ne dovranno tenere conto. D´ora in poi diventerà  inutile, ad esempio, che in una Asl tutti dicano, nella valutazione interna, “siamo bravissimi” se poi la Asl fa schifo. Basta con i premi partita a chi perde“.

In che modo il cittadino potrà  giudicare il lavoratore o l´ufficio pubblico?” (chiede il giornalista).

Attraverso l´azione collettiva, la cosiddetta “class action”, che avrà  come sanzione o il ripristino immediato del servizio non fruito, o la punizione del dirigente responsabile del disservizio, che sarà  licenziato“.

Nel disegno di legge si parla di un´Agenzia di valutazione. Che ruolo avrà ?“.

Sarà  un organismo centrale preposto alla definizione degli standard di tutte le amministrazioni. Regioni, Province, Comuni, Asl, ministeri, Enti parco, dovranno farsi un esame di coscienza e comunicare non solo cosa producono per i cittadini, ma come e in quanto tempo. L´Agenzia metterà  on line tutti gli standard omologhi, così il cittadino potrà  confrontare chi è più efficiente e chi meno e noi potremo definire il benchmark per ogni prodotto“.

Come interverrete nei confronti di chi sarà  in coda alla classifica?”.

Attraverso il meccanismo degli incentivi e disincentivi. Comunque solo il fatto di mettere online i singoli standard di efficienza è rivoluzionario. Ai cittadini dico: pensate quanto roderà  al Comune fannullone vedersi sbugiardato sul web. Perché poi interverrebbero gli ispettori ministeriali o regionali, inviati a chiedere: “Come mai siete i peggiori?”“.

Come funzionerà  la leva di incentivi e disincentivi?“.

Tutta la contrattazione di secondo livello, quella integrativa, sarà  concessa solo sulla base dei risultati ottenuti. Se le amministrazioni dimostreranno di aver lavorato bene, avranno più soldi, altrimenti no. E a deciderlo saranno sempre i cittadini“.

Lei, qualche tempo fa, annunciò l´utilizzo, da parte degli utenti, delle emoticons per giudicare la qualità  dei servizi ricevuti allo sportello. A che punto è il progetto?“.

Al massimo tra due settimane inizieranno le prime sperimentazioni. Prima dell´estate il meccanismo sarà  attivo in quindici Comuni e presto sarà  esteso a tutti gli sportelli della pubblica amministrazione. Così quando un settore, su cento faccine, ne riceverà  ottanta negative, non beccherà  un euro“.

Nella riforma c´è spazio anche per l´introduzione del cartellino di riconoscimento per i lavoratori“.

Adesso è poco o male utilizzato. In nome della trasparenza, del chi è responsabile di che cosa nella pubblica amministrazione, il riconoscimento ci sarà  dappertutto“.

Insomma: tempi bui per i fancazzisti della pubblica amministrazione.

Leggi altre news su per il Popolo delle Libertà .


Tags: , ,

36 Responses to "Brunetta: gli stipendi degli statali li decideranno i cittadini"

  • Pietro says:
  • bruno says:
  • andrea says:
  • ruys says:
  • Pier says:
  • shadang says:
  • Gabriele says:
  • marco parisi says:
  • camelot says:
  • camelot says:
  • camelot says:
  • camelot says:
  • camelot says:
  • camelot says:
  • ellekappa says:
  • ruys says:
  • ruys says:
  • camelot says:
  • camelot says:
  • Pietro says:
  • camelot says:
  • camelot says:
  • ruys says:
  • Pietro says:
  • shadang says:
  • camelot says:
  • camelot says:
  • valerio says:
  • camelot says:
  • valerio says:
  • camelot says:
  • valerio says:
  • mauro says:
  • mauro says:
Leave a Comment