Partito democratico: rinviato a giudizio per truffa allo Stato ex Presidente del Consiglio regionale sardo

Per lui è il secondo rinvio a giudizio. Parliamo di Giacomo Spissu, esponente del Partito democratico, ed ex Presidente del Consiglio regionale sardo.

In questa nuova vicenda giudiziaria che lo vede coinvolto, Spissu è accusato di truffa aggravata ai danni dello Stato, e di false fatturazioni.

In particolare, assieme ad altri quattro coimputati, l’esponente del Pd avrebbe:

“Chiesto e ottenuto illecitamente dallo Stato finanziamenti per circa seicentomila euro, nell’ambito del primo protocollo aggiuntivo del contratto d’area Sassari – Alghero e Porto Torres, attraverso le società “Idea Impresa srl” ( all’epoca dei fatti Spissu era l’amministratore) e “Bureau 2000 srl”(amministrata da Innocenzo Giannasi, ex politico sassarese, anche lui rinviato a giudizio)”.

Inoltre, per ottenere finanziamenti, sarebbero state anche presentate:

“fatture per operazioni inesistenti. Ovvero: le società Bureau 2000 e Idea Impresa si sarebbero servite di fatture emesse da Spazio Musica, dalla Oce e dalla ditta di Pische, per ricavare illecitamente i finanziamenti pubblici”.

L’esponente del Pd, in ogni caso, si dichiara estraneo alle imputazioni che gli vengono mosse:

Come detto altre volte in questi lunghi anni, quando e se potrò farlo, si dimostrerà la mia totale estraneità ai fatti contestati e la loro inesistenza”.

Leggi altre news su per il Popolo delle Libertà.



Tags:

8 Responses to "Partito democratico: rinviato a giudizio per truffa allo Stato ex Presidente del Consiglio regionale sardo"

  • Alex says:
  • camelot says:
  • Niccolò Donati says:
  • camelot says:
Leave a Comment