Farsi male è da pirla

Quando c’è da fare incetta di potere e poltrone i politici danno il peggio di sé: come fameliche fiere in cerca di cibo, si mostrano noncuranti del sangue che devono spargere per saziarsi.

Facile criticarli quando si comportano così; e anche molto demagogico. Ma sono i cittadini – in fin dei conti – ad avere il coltello dalla parte del manico, e a decidere cosa sia giusto e cosa no.

E i cittadini mostrano ognora disappunto per le lotte – ancorché fisiologiche – che si consumano all’interno dei partiti: vorrebbero da questi unità e coesione. Sempre. Le considerano garanzia di stabilità e di buon governo. Viceversa aborriscono contrasti e divisioni perché temono possano tradursi in cattiva politica: quella del “tirare a campare” e del “galleggiamento”; quella del non decidere e del non fare.

Ecco, lo spettacolo che in questi giorni sta offrendo il Popolo della Libertà, lacerato come pare da contrasti interni, rischia di disorientarne – e non poco – l’elettorato, e di fiaccarne l’ottimismo.

Sarebbe bene che i mammasantissima del partito lo capissero, e che recuperassero senno ed equilibrio rapidamente.

Il caravanserraglio, l’ammuina e le lotte di potere disgustano l’elettore di centrodestra e potrebbero invogliarlo a disertare le urne.

Leggi altre news su per il Popolo delle Libertà.



10 Responses to "Farsi male è da pirla"

  • ruys says:
  • gianni says:
  • camelot says:
  • ruys says:
  • camelot says:
  • ruys says:
  • camelot says:
Leave a Comment