“Chi, come me, propone la separazione delle carriere dei magistrati, viene accusato di attentare all’indipendenza della Magistratura e di voler porre il pm sotto il controllo dell’Esecutivo”

Un sistema accusatorio parte dal presupposto di un pubblico ministero che raccoglie e coordina gli elementi della prova da raggiungersi nel corso del dibattimento, dove egli rappresenta una parte in causa. Gli occorrono, quindi, esperienze, competenze, capacità, preparazione anche tecnica per perseguire l’obbiettivo. E nel dibattimento non deve avere nessun tipo di parentela col giudice e non essere, come invece oggi è, una specie di para- giudice. Il giudice, in questo quadro, si staglia come figura neutrale, non coinvolta, al di sopra delle parti.

Contraddice tutto ciò il fatto che, avendo formazione e carriere unificate, con destinazioni e ruoli intercambiabili, giudici e Pm siano, in realtà, indistinguibili gli uni dagli altri. Chi, come me, richiede che siano, invece, due figure strutturalmente differenziate nelle competenze e nella carriera, viene bollato come nemico dell’indipendenza del magistrato, un nostalgico della discrezionalità dell’azione penale, desideroso di porre il Pm sotto il controllo dell’Esecutivo. E’ veramente singolare che si voglia confondere la differenziazione dei ruoli e la specializzazione del Pm con questioni istituzionali totalmente distinte” (Giovanni Falcone, La Repubblica, 3 ottobre 1991).



Tags: , , , ,

4 Responses to "“Chi, come me, propone la separazione delle carriere dei magistrati, viene accusato di attentare all’indipendenza della Magistratura e di voler porre il pm sotto il controllo dell’Esecutivo”"

  • notizie says:
  • Marcello Sanna says:
Leave a Comment