Kony 2012. La giustizia ai tempi del Web

Questo video, realizzato dall’Ong Invisible Children, è stato visto da più di 70 milioni persone in tutto il mondo.

In esso, Jason Russell, voce narrante e suo regista, racconta i crimini commessi, negli ultimi vent’anni, da un “macellaio” ugandese sconosciuto ai più: Joseph Kony.

Tale criminale, a capo del movimento di guerriglia denominato Lord’s Resistance Army (Esercito di Resistenza del Signore), per più di quattro lustri ha rapito bambini e bambine (pare addirittura 30.000), per impiegare i primi quali componenti il proprio esercito e le seconde quali schiave sessuali. Nel 2005 è stato condannato dalla Corte Penale Internazionale dell’Aja per crimini contro l’umanità e crimini di guerra. Ma è ancora a piede libero.

Per questo Invisible Children ha realizzato il filmato: sensibilizzare l’opinione pubblica mondiale a che chieda, a chi di dovere e a gran voce, di arrestarlo. Entro il 2012.

«Per 26 anni Kony ha rapito i bambini per i ribelli, l’Esercito di Resistenza del Signore. Trasformando le bambine in schiave sessuali e i bambini in soldati. Li costringe a mutilare i volti delle persone. E li obbliga a uccidere i loro stessi genitori» (Jason Russell).

P.S. È possibile attivare i sottotitoli in italiano premendo il tasto “cc” nella barra del video.



Tags: , , , , ,

Leave a Comment