Il compagno Sandro Bondi ha posizioni incompatibili col Pdl. Venga espulso

Era il 4 maggio del 2010 e, intervistato dal settimanale A, e come fosse la cosa più normale al mondo, Sandro Bondi, uno dei tre Coordinatori nazionali del Popolo della Libertà, dichiarava:

«Io sono di sinistra. Vorrei un partito come quello di Gordon Brown».

Oggi, il Nostro ha rilasciato un’altra dichiarazione parimenti delirante:

«Quando sento sbandierare nel dibattito interno al Pdl la necessità di rilanciare la rivoluzione liberale del ’94, nel momento in cui mai come oggi si è manifestata l’irrazionalità di un mercato senza regole e senza efficaci autorità politiche (…), provo un profondo sentimento di disagio e di scoramento».

Ecco. Siccome l’aver abbandonato il progetto della cosiddetta “rivoluzione liberale” ha comportato, da parte del governo Berlusconi, il tradimento di tutte le promesse elettorali e l’introduzione di 100 miliardi di tasse, e questo ha fatto crollare i consensi del Pdl dal 37,4 al 17,6%, ci sembra opportuno che tutti quelli che condividono le posizioni di Bondi, e che hanno contribuito a distruggere politicamente e culturalmente il centrodestra, trasformandolo de facto in una coalizione socialdemocratica, vengano immediatamente espulsi dal partito.

I ragazzini che hanno dato vita all’iniziativa “Formattiamo il Pdl”, avranno il coraggio di formulare tale richiesta? O alzano la voce solo per ottenere qualche poltrona?

Staremo a vedere.

Sull’argomento: Formattare il Pdl e ridefinirne l’identità ripartendo dallo spirito del’94.



Tags: , , ,

13 Responses to "Il compagno Sandro Bondi ha posizioni incompatibili col Pdl. Venga espulso"

  • Massimo says:
  • camelot says:
  • Claps says:
  • Augusto says:
  • Augusto says:
  • camelot says:
  • camelot says:
  • Augusto says:
  • camelot says:
  • Augusto says:
  • camelot says:
Leave a Comment