Marianna Madia, la diversamente progressista

Di Marianna Madia, neo ministro alla Pubblica Amministrazione e alla Semplificazione, si sa tutto; anche perché c’è davvero poco da sapere: fu Veltroni a scoprirla e ad offrirle la prima candidatura alle Politiche (nel 2008); Letta a darle un’occupazione spalancandole le porte della propria fondazione; D’Alema a volerla accanto a sé in Parlamento per iniziarla alla vita del Palazzo. Fine della storia.

Nondimeno, qualcosa di lei è poco noto quantunque sia molto interessante ed utile per inquadrarla:

«Io sono cattolica praticante, e credo che la vita la dà e la toglie Dio, noi non abbiamo diritto di farlo. Certo è che anche per esperienza personale mi sono resa conto di quanto sia sottile la linea di demarcazione tra le cure a un malato terminale e l’accanimento terapeutico nei suoi confronti. Quindi dico no all’eutanasia ma penso che l’oltrepassamento di quella linea sottile vada giudicato – in certi casi – da un’équipe di medici; comunque non dal diretto interessato o dai suoi parenti.

Personalmente quando parlo di famiglia, e della sua relativa tutela, mi riferisco a quella che sta nella costituzione.

La libertà personale va rispettata sempre, per cui se due persone decidono di assumere pubblicamente diritti e doveri reciproci devono essere tutelate dalla legge. Ma certo è che se si parla di famiglia io penso a un uomo e una donna che si sposano e fanno dei figli. Scegliendo per la vita».

Ecco. Resta da capire in cosa sia diversa da Giovanardi, Quagliariello e Roccella.



Tags:

8 Responses to "Marianna Madia, la diversamente progressista"

  • Tiziano Muliere says:
  • camelot says:
  • Augusto says:
  • camelot says:
  • Aurora says:
  • Aurora says:
  • Marta says:
  • camelot says:
Leave a Comment